Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
DesktopBSD: un sistema operativo basato su FreeBSD
Scritto da Fabrizio Pani il 14-10-2005 ore 06:57
Lo scopo di <strong>DesktopBSD</strong> è quello di creare un sistema Desktop facile da usare e sicuro, basandosi sull'ultima versione stabile di FreeBSD. Questo BSD usa il desktop KDE ed è nato circa un anno prima di <strong>PC-BSD</strong>, di cui abbiamo <a target="_self" href="index.php?entity=earticle&idArticle=30224">già trattato</a>.

L'installazione è semplice, è sufficiente scaricare l'immagine ISO dal sito, masterizzarla e impostare il bios per avviare il CD-Rom da boot, dopodiché inizia l'installazione vera e propria. E' chiesto prima in quale disco si voglia installare il sistema operativo e poi se installare o no un bootloader; se è presente già Windows è meglio rispondere di no e installare in seguito un bootmanager o usare quello Microsoft aggiungendo la scelta di DesktopBSD.

E' chiesta poi la partizione di destinazione che nel caso dei sistemi BSD deve essere primaria, in questo caso di tipo FreeBSD (<strong>0xA5</strong>) con una dimensione di almeno 4 GB. Nel caso non sia presente una partizione di questo, la si deve creare, naturalmente badando a non toccare eventuali altre partizioni già presenti. In ogni caso è sempre meglio fare prima un backup di tutti i dati. Il vantaggio è che a differenza di FreeBSD non si devono impostare le slice all'interno della partizione, perché sono automaticamente create quelle<strong> d</strong>, <strong>e</strong>, ed <strong>f</strong> montate rispettivamente su <strong>/tmp</strong>, <strong>/var</strong>, e <strong>/usr</strong>.

Una volta scelta la partizione e cliccato sul pulsante per installare, non si deve fare altro. Semplicemente dopo un po' il processo sarà terminato e si dovrà riavviare il sistema togliendo il CD o cambiando l'ordine di boot.
Al primo riavvio verrà chiesta semplicemente la password di root, di creare almeno un altro utente, e poi ci sarà il wizard di configurazione di KDE.

I programmi presenti sono ridotti all'essenziale, per esempio c'è solo Konqueror come browser, e si usa la versione <strong>5.4-RELEASE-p3</strong> del kernel FreeBSD.
Per saperne di più e scaricare l'ultima versione, la <strong>1.0-RC2</strong>, entrare <a target="_blank" href="http://www.desktopbsd.net/">qui</a>.
Precedente: Le software house innovano a partire dalle politiche di licenza d'uso
Successiva: Il phishing cambia target: le one-time password
Intervento di Tommaso Tagliapietra a.k.a. pluto del 17-10-2005 ore 11:31, Spinea (VE)
Nobile
Nobile
(53 interventi)
Iscritto il 21-07-2004
Secondo me il fatto che DesktopBSD decida automaticamente le dimensioni potrebbe anche essere un male. Almeno FreeBSD puo' crearle in automatico ma permette di modificarle a piacere. Questo lo permette?
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.212 secondi.