Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicit� Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Organizzare la conoscenza
Recensito da Agnese Basci il 19-06-2007 ore 11:58
Copertina ISBN: 8848118496
Autori: Claudio Gnoli, Vittorio Marino, Luca Rosati
Editore: Tecniche nuove
Lingua: italiano
Anno: 2006
Pagine: 211
Allegati: Nessuno
Cosa abbiamo noi internauti in comune con lOrlando Furioso e la raccolta delle bacche? E cosa hanno in comune prodotti come il pacchetto iLife di Apple, il Mac OS X Tiger, il sistema operativo Vista di Microsoft, Mozilla Thunderbird? Molto pi di quanto siamo in grado di cogliere con le nostre reminiscenze letterarie o esperienze da boy scout nelle cacce al tesoro, o grazie alla navigazione spietata sul Web. LOrlando Furioso perde la ragione che viene ritrovata da Anfolso luomo alato sulla luna, fra oggetti e persone persi nel corso della vita; un po come tutti noi, spesso cerchiamo freneticamente informazioni nella Rete, perdendoci nei meandri dei motori di ricerca, in una sorta di raccolta delle bacche, imbattendoci sovente in risultati non voluti e dando origine al fenomeno ormai noto come serendipit, finch qualcosa o qualcuno non ci viene in soccorso.

La ricerca di sistemi ottimali di organizzazione delle informazioni, che accomuna molti software come quelli succitati, lobiettivo degli autori di questo testo, che si impegnano a convertire dati sparsi in conoscenza, conferendo loro un valore aggiunto che concorra alla nostra soddisfazione di esploratori. Gli uomini potrebbero avere in mano i rimedi per molta parte dei loro mali, se si servissero insieme, nel modo dovuto, dei ricchissimi dati raccolti in questo secolo, delle osservazioni e della vera analisi. Attualmente la conoscenza umana della natura mi sembra simile ad un bazar, fornitissimo di ogni genere di merci, ma mancante di ordine e di inventario. Questa fu lintuizione di Leibniz, uno dei pi grandi filosofi del Seicento, che fra le altre attivit fu anche bibliotecario. Se fosse ancora vivo, forse rimarrebbe stupito da quanti dati ha prodotto la civilt della tecnologia, ma sarebbe anche sorpreso del fatto che ancora parte di quel disordine non stata messa a posto.

Di norma e per mia pecca, salto a pi pari le prefazioni ai testi, ma per questa ho fatto uneccezione, essendo firmata da una personalit di spicco nel settore del Web, Maurizio Boscarol, psicologo ed esperto di usabilit, responsabile e curatore di Usabile, nonch autore del libro Ecologia dei siti Web. Ed infatti, quella che di norma una presentazione del testo diventata una sintetica, ma necessaria introduzione alla lettura del libro, anticipazione dei concetti fondamentali per la knowledge organization.

Questopera, Organizzare la conoscenza, scritta a tre mani da Claudio Gnoli, Vittorio Marino, Luca Rosati, che sembrano conoscere molto bene al limite dellovviet vizi e virt del popolo di Internet. Il testo dunque ha come obiettivo principale utilizzare gli studi di biblioteconomia e gli strumenti informatici oggi disponibili per contribuire effettivamente al Web 2.0, semantico ed organizzato, dove tutto ci che vi compreso anche rintracciabile senza sforzo. La sistematizzazione un valore aggiunto al sapere, poich lo rende maggiormente comprensibile e consultabile, anche se con levolvere delle conoscenze uno specifico sistema probabilmente destinato a modificarsi o addirittura essere smontato. Cos introduce largomento del testo, Claudio Gnoli, bibliotecario presso la Facolt di Matematica dellUniversit di Pavia e autore di numerosi studi sullarchiviazione dei dati e sui principali sistemi elaborati. E sono proprio questi ultimi, la loro storia e levoluzione subita, largomento dei primi quattro capitoli del testo, prettamente accademici, ma indispensabili per comprendere quale sia il contributo della biblioteconomia ai metodi di catalogazione delle informazioni sul Web.

Le personalit che hanno contribuito nei secoli ai cataloghi bibliografici e allorganizzazione dei database di recente concezione, sfilano in questi capitoli con i loro contributi: Aristotele e la sua semanticit; Bacon e la sua prefazione al moderno ipertesto; R.R. Sokal e P.H.A. Sneath con la tassonomia numerica; W. Hennig con la tassonomia cladistica; M. Dewey padre della Classificazione Decimale (DDC, in inglese) cui segu la Classificazione Decimale Universale (UDC) degli avvocati belgi P. Otlet e H.M. Lafontaine. Uno spazio a s occupano invece due sistemi importanti: quello della Library of Congress Classification (LCC) e la Bibliographic classification di Bliss, nota come BC2. Entrambe le sistematizzazioni in questione hanno subito evoluzioni, ma sono ritenute attualmente ancora valide ed utilizzate: la LCC ha dato vita ai soggettari basati sui criteri di uniformit, univocit, esaustivit, specificit e predittivit (ovvero rispondenza alle aspettative degli utenti); Bliss invece incentr lattenzione sulla sequenza della classificazione, ossia la gradazione nella specificit, che si traduce nel fatto che gli argomenti generali devono precedere quelli specializzati.

Ma tutti questi schemi, bench siano il frutto di anni di studi e sperimentazioni, hanno incontrato nel tempo una considerevole difficolt applicativa nella catalogazione di dati informatici, soprattutto legata al preconcetto che biblioteconomia e Web searching o Web browsing non possano vivere in osmosi. Uneccezione rappresentata dallo studio di Ranganathan, che ide lanalisi a faccette, basandosi su un chiaro presupposto: Lacutezza nel pensiero, la chiarezza nellespressione, lesattezza nella comunicazione, la prontezza nella risposta e la precisione nel servizio dipendono in ultima analisi dalla successione conveniente, ovvero dalla Classificazione. Il Classification Research Group (CRG) ha ripreso questa classificazione applicandola a settori specialistici. I membri hanno poi condotto separatamente studi individuali, il pi importante dei quale ha prodotto il PRECIS, un raffinato sistema di indicizzazione a faccette.

Tutta questa premessa teorica risulta forse un po pesante, ma prelude alla parte pi importante del testo perch propedeutica allanalisi degli ipertesti. Da dove deriva il termine di Web semantico? Cosa sono gli indici, i tesauri, le keyword e i classauri, che oggi pervadono il mondo informatico? Senza prendere il posto dei lessicografi, ma procedendo per utilit, il testo spende non poco spazio per le keyword in context (KWIC) o out of context (KWOC). Le prime sono lasciate allinterno del testo ed evidenziate graficamente, le seconde sono visualizzate separatamente dal testo. In entrambi i casi esse servono da suggerimento ai motori di ricerca e vengono utilizzate nei metadati associati alle pagine Web:
  1. meta name=keyword content=programmazione; visual basic; funzioni
Ma se questo breve esempio ha distolto il pensiero dalla parola bene che si ricordi un detto di Hsun-tse: Limpiego dei termini appropriati il requisito morale dellorganizzazione della conoscenza, dunque il suo pieno sfruttamento. Banale osservazione, diremmo, se non ci trovassimo di fronte alla societ del consumismo, che lancia campagne di marketing via Internet, assegnando nomi nuovi a prodotti vecchi per venderli come novit. Ma dove finiscono tutti i termini tecnici che servono per indicizzare un documento in Internet? Ovviamente nei blasonati tesauri, ovvero vocabolari controllati, definiti sulla base dello standard internazionale per la costruzione dei tesauri monolingue e che distinguono descrittori da non descrittori, rendendo esplicite le relazioni fra i termini: relazione sinonimica espressa normalmente dai simboli USE e UF (Use For); relazione gerarchica, fra genere e specie o fra intero e parte, espressa dai simboli BT (Broad Term) e NT (Narrow Term); relazione associativa espressa dal simbolo RT (Related Term) per indicare una coordinazione, una esemplificazione o una causa-effetto.

Con i primi standard siamo dunque giunti al capitolo dedicato agli strumenti informatici e allinformation retrieval. Questo termine, assai utilizzato nel linguaggio informatico, mutua il suo significato dal verbo to retrieve, ossia lazione del cane da caccia che porta indietro la selvaggina catturata. La metafora dunque non potrebbe essere pi adatta ad indicare la principale operazione svolta dai motori di ricerca: si tratta di catturare, nella foresta delle informazioni, quelle rilevanti, e di portarle al cospetto dellutente affinch possa esaminarle ed utilizzarle. Nel Web semantico, secondo la definizione di Tim Berners-Lee, questa spiegazione ha un senso: le informazioni in Rete, ovunque siano fisicamente allocate, possono essere messe in relazione e produrre una selezione intelligente di contenuti sulla base dei criteri di ricerca impostati. Tuttavia, affinch questa ricerca dia buoni frutti, importante che le informazioni siano classificate, poggino cio su unarchitettura precisa e fondata sullanalisi dei testi, sul clustering dei dati, su assegnazione di classi, su idonei linguaggi di marcatura e sugli schemi di classificazione.

A questi ultimi dedicato il capito 5 del testo, uscito dalla penna e dagli studi di Vittorio Marino, che analizza i rapporti fra la biblioteconomia e lo schema home-grown. Bench la prima abbia ormai raggiunto uno sviluppo ottimale nel settore della catalogazione del materiale cartaceo, come gi accennato, il Web sembra non tenerne conto e preferire forme di catalogazione ibrida, anche quando esso fa ricorso alla classificazione a faccette di Ranganathan. Questa sarebbe la scelta ottimale per indicizzare contenuti specializzati, difficilmente classificabili secondo un unico parametro, e quando si intenda fornire ad essi un accesso multiplo, riservandosi la possibilit di aggiunta o modifica o integrazione a posteriori dei criteri di classificazione (scalabilit). Le faccette risultano in generale utili per favorire un approccio allinformazione di tipo esplorativo (exploratory seeking), capace di garantire in ogni fase approfondimenti, aggiustamenti del tiro o veri e propri cambi di rotta (secondo il modello della raccolta delle bacche berrypicking elaborato da Marcia Bates. Nel testo non mancano esempi di browser che utilizzano la classificazione a faccette e sono anche analizzati i pi importanti progetti di classificazione come FLAMENCO (FLexible information Access using MEtadata in Novel COmbinations) dellUniversit di Barkeley e SWED (Semantic Web Environment Directory), accanto a prodotti noti come liLife di Apple, il Mac OS X Tiger, il sistema operativo Vista di Microsoft e Mozilla Thunderbird, tutti basati con varie soggettivazioni, sul modello della classificazione a faccette.

iTunes sovverte la logica gerarchica a favore di quella semantico-relazionale, delocalizzando le risorse e sfumando la distinzione fra searching e browsing, interfaccia Web e interfaccia software. Mac OS X Tiger utilizza due nuove funzionalit: il sistema di ricerca interno Spotlight e le cartelle speciali Smart Folder. Il primo consente, come iTunes, di effettuare la ricerca dei documenti sia in maniera tradizionale che mediante metadati semantici. Le seconde contengono documenti raggruppati secondo criteri soggettivi di ricerca impostati dallutente. Anche WinFS di Vista rinuncia alla tradizionale ricerca per modificare sostanzialmente il concetto di file system; abbandona dunque lannidamento gerarchico per il pi versatile approccio relazionale e sfaccettato ai documenti.

Dallanalisi dei diversi sistemi di classificazione nasce il capitolo 8 di Luca Rosati, studioso di architetture dellinformazione ed esperto di interazione uomo-macchina, incentrato sulle considerazioni epistemologiche. Premesso che ogni classificazione sempre una commistione di razionale ed empirico, fortemente influenzata da fattori come let, differenze culturali e sociali, pensare di poter definire uno schema classificatorio unico ed universalmente valido pura utopia. Non vi quindi una demarcazione netta fra classificazioni popolari e classificazioni scientifiche (Bowker). Certamente noi occidentali non utilizzeremmo mai ununica parola per identificare donna, fuoco, acqua, combattimento e animali pericolosi, eppure il termine Balan racchiude tutti questi significati secondo il Dyirball, una lingua aborigena australiana.

Alla luce di queste premesse e dei dibattiti che hanno visto fronteggiarsi concetti come gerarchie, alberi, non-alberi, pile cabinet, grafi e relativi studiosi come Merholz e Hurst arroccati sui concetti di obiettivo dellutente e navigabilit delle pagine, sembrerebbe che fra tutti i litiganti abbia ragione Herasimchuk quando affermava che la navigazione non esiste. Essa un mito, una pura illusione creata dai clic da una pagina allaltra. Ma Herasimchuk un designer e la sua solo una provocazione verso il colleghi del Web, ma questa ironica asserzione riconduce allopportunit di scegliere di quando in quando fra navigazione allinterno di alberi e navigazione di non-alberi (grafi). Lautore propende per la seconda opzione e nel testo ampiamente motivata tale scelta anche con esempi di siti che hanno adottato questa filosofia. Ci che invece mi piace riportare di queste pagine finali del testo il messaggio: il dibattito sullorganizzazione della conoscenza ancora in corso, ma vale quanto detto in passato da Kuhn, e cio che la gran parte delle rivoluzioni non sono sempre il prodotto di nuove scoperte quanto il nuovo modo di guardare le cose.
proIl testo sicuramente originale nelle argomentazioni, che talvolta stravolgono positivamente il modo di vedere Internet e la navigazione allinterno dello spazio Web; induce a ripensare le interfacce cui siamo soliti affidarci non solo per navigare, ma anche per archiviare il nostro materiale e consente una rivalutazione del lavoro svolto dai biblioteconomisti nel corso dei tempi. Lindice degli argomenti disponibile on line ed il testo mette a disposizione anche un utile glossario italiano-inglese ed unampia bibliografia e sitografia. A conclusione del testo interessante leggere un caso di studio: larchitettura dellinformazione per i siti della P.A. nel confronto fra il modello multidimensionale anglosassone e quello italiano.
controLa parte iniziale molto teorica e lunga; incentrata sulla biblioteconomia, scienza pregevole ed interessante, ma che pu risultare ostica per chi non ha basi di questa materia. Pertanto, personalmente avrei ridotto un po il numero di informazioni teoriche, rinviando qualche approfondimento ad appendici del testo o a riferimenti a siti o fonti bibliografiche. Rispetto ai commenti positivi che il libro sicuramente merita, risulta uninezia quello che a mio avviso per appesantisce notevolmente la lettura: il font di stampa scelto piccolo e anche gli screenshot dei siti scelti come esempio sono piuttosto difficili da leggere, spesso sfocati e ridotti, ma soprattutto in bianco e nero. Infine, bene dire che essendo il testo in edizione del 2006, alcuni siti citati hanno cambiato limpianto e la grafica, per cui non ci si ritrova con gli screenshot presentati e il WinFS di Vista cui si fa riferimento la versione beta.
Precedente: Gravi dissidi interni allIEEE sul nuovo standard di Ethernet veloce
Successiva: IONA rilancia sul piatto delle SOA con Artix Data Services
Copyright Programmazione.it™ 1999-2017. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.172 secondi.