Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicit� Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Introduzione al framework JSF (1/14)
Scritto da Dario Guadagno il 01-10-2008 ore 11:30
Questo articolo il primo di una serie che ci porter alla scoperta del framework Java Server Faces (JSF), utilizzatissimo nella realizzazione di web application nel mondo Java secondo il pattern MVC (Model View Controller). La prima release di questo framework stata definita nel marzo del 2004, il che evidenzia un livello di maturit ancora basso rispetto al vero antagonista nel settore dei framework Java, Struts.

Daltro canto, JSF rappresenta uno standard, del quale esistono diverse implementazioni, tra cui vanno menzionate con particolare attenzione la JSF RI (Reference Implementation) di Sun Microsystems e MyFaces di Apache. Per questi contributi stata scelta limplementazione di Sun Microsystems, grazie alla quale possibile beneficiare delleccellente documentazione fornita al riguardo e del notevole supporto in Rete.

L'importanza di questo framework chiara se si pensa che Craig McClanahan, l'ideatore di Struts, ha contribuito alla creazione di JSF. Dalla piattaforma J2EE 5.0 prevista ora in forma nativa unimplementazione della tecnologia JSF. Quest'ultima prevede un ampio insieme di classi e relative API che permettono di:
  • definire i componenti dellinterfaccia utente (UI), gestire il mantenimento del relativo stato e il verificarsi dei relativi eventi;
  • semplificare il sistema di gestione della navigazione tra le pagine della web application;
  • realizzare dei componenti personalizzati (Custom Component), che estendano e potenzino le funzionalit delle classi base del framework;
  • supportare linternazionalizzazione e laccessibilit dell'applicazione.
L'architettura di un'applicazione realizzata con JSF stratificata su 3 livelli gerarchicamente crescenti. Alla base della gerarchia ci sono le servlet, mentre salendo troviamo il livello delle JSP e all'apice la tecnologia JSF. L'utilizzo di JSF facilita lo sviluppatore nel suo lavoro in quanto consente di:
  • gestire eventi e i corrispondenti handler, basandosi su JavaBeans;
  • utilizzare lEL (Expression Language) per la realizzazione del valuebinding e il method-binding, mediante i quali possibile legare le propriet dei componenti della UI, rappresentati con tag nelle pagine JSP, direttamente con la business logic, senza che tali componenti abbiano alcuna conoscenza della struttura delle classi di questultima;
  • analizzare il ciclo di vita di una richiesta, ben definito attraverso una serie di fasi, e recuperare in ogni istante le variabili di interesse per la logica dell'applicazione;
  • utilizzare i backing beans (managed beans) costituenti la business logic, con la possibilit di istanziarli in un qualsiasi momento on demand.
Nei prossimi articoli analizzeremo le principali componenti del framework e come le stesse influiscano positivamente nel lavoro dello sviluppatore per la realizzazione di applicazioni web.
Precedente: Applicazioni nella System Tray tramite PHP-GTK
Successiva: Non solo petrolio, ma un supercomputer IBM in Arabia Saudita
Copyright Programmazione.it™ 1999-2017. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.199 secondi.