Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Il metodo addEventListener non anonimo
Scritto da Cosmos Puglisi il 23-07-2010 ore 10:53
Seminario Intel
L'utilizzo più frequente del metodo addEventListener in JavaScript è quello di implementare il listener come funzione anonima: nella fattispecie il listener è il secondo argomento della funzione citata, il primo argomento è il tipo di evento da intercettare, e il terzo è un booleano, che indica la priorità di esecuzione in caso di più listener a un uno stesso evento. Ecco un esempio di listener anonimo.
  1. document.addEventListener(
  2.     "click",
  3.     function (evt) { /* code */ },
  4.     false
  5. );
In un articolo pubblicato sul sito Ajaxian, Andrea Giammarchi ci ricorda che esiste una raccomandazione W3C per l'uso di questo metodo, introdotto con DOM2 che permette appunto di implementare l'interfaccia EventListener anziché procedere come visto prima.
  1. interface EventListener {
  2.   void               handleEvent(in Event evt);
  3. };
In questo modo si può creare del codice come segue:
  1. var listener = {
  2.     handleEvent: function (evt) {
  3.        // code
  4.         
  5.     }
  6. };
  7.  
  8. document.addEventListener("click", listener, false);
Questo procedimento ha i suoi vantaggi e sono elencati nell'articolo di riferimento; fra questi va segnalato quello di adattarsi meglio alla event driven programming in JavaScript.
Precedente: The Manga Guide to Calculus
Successiva: HTTP 1.1: le direttive di Cache-Control per le richieste (2/2)
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.597 secondi.