Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Le novità di Adobe Flash Builder 4.5
Scritto da Ciro Fiorillo il 28-04-2011 ore 10:06
Seminario Intel
Adobe ha annunciato l'imminente rilascio di Flash Builder 4.5, come parte della nuova versione di Adobe Creative Suite CS5.5. Il tool cambia il nome – prima era conosciuto come Adobe Flex Builder – e aggiunge molte novità ai contenuti, soprattutto sul fronte dello sviluppo per piattaforme mobili.

Il framework Flex 4.5, distribuito come open source, include un nuovo supporto per lo sviluppo su piattaforme Android, mentre per BlackBerry Tablet OS e iOS si dovrà attendere fino a giugno 2011. Nel frattempo sarà comunque possibile sviluppare con ActionScript anche per queste piattaforme.

L'obiettivo è il bramato build once run everywhere tanto caro ai vendor, che però si scontra puntualmente con le ovvie difficoltà che un tale tipo di strumento deve affrontare, dalle differenze hardware e software dei dispositivi, alle differenti performance ottenibili sulle distinte piattaforme.

Oltre alle già citate piattaforme mobili, sarà possibile ovviamente sviluppare anche applicazioni desktop e web. Con l'aggiornamento che sarà reso disponibile a giugno, inoltre, sarà possibile spostare un'applicazione fra le differenti piattaforme supportate con la sola ricompilazione del progetto.

Nella nuova release del framework viene estesa l'architettura dei componenti e la gestione degli Spark Skin introdotti con Flex 4, mentre con Flash Builder 4.5 si avranno a disposizione caratteristiche di completamento e generazione del codice, e più di cento template basati su best practices, che contribuiscono a uno sviluppo più rapido del codice.

Sempre sul fronte della scrittura del codice, è adesso possibile rinominare gli identificatori in un file o nell'intero workspace, organizzare le import, convertire le variabili locali in campi, assegnare espressioni a variabili, generare i metodi getter e setter, generare i gestori degli eventi, oltre ad altre piccole funzionalità utili a migliorare la produttività di chi scrive codice.

La nuova release ha però pensato anche a un miglior flusso di lavoro fra gli sviluppatori e i designer, grazie all'impostazione della compatibilità con Flash Catalyst a livello di progetto, oltre al pieno supporto alla bidirezionalità del flusso fra sviluppatori e designer.

Il nuovo prodotto è sempre basato su Eclipse, di cui è stata utilizzata la release 3.6.1 “Helios”, mentre per Mac è stata utilizzata la versione Cocoa, abbandonando la precedente release basata su Carbon. È inoltre possibile, dopo il setup della versione stand alone dell'ambiente di sviluppo, configurare lo stesso per lavorare con una o più versioni di Eclipse presenti nel sistema.

Sul fronte delle prestazioni, inoltre, il nuovo ambiente promette notevoli miglioramenti nell'utilizzo della Design View, nel refactoring e nel profiling, rendendo più fruibili queste ultime due operazioni anche in progetti con un gran numero di sorgenti o di librerie e dipendenze.
Precedente: Un wrapper per le code di priorità in C#
Successiva: Scripting Intelligence: Web 3.0 Information Gathering and Processing
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.192 secondi.