Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicità Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
I miglioramenti della versione 1.5 di Intel OpenCL SDK
Scritto da Luca Domenichini il 05-12-2011 ore 13:43
La seconda generazione di processori Intel Core, annunciata all'inizio di quest'anno e battezzata Sandy Bridge, porta con sé numerose migliorie tecnologiche: oltre alla microarchitettura a 32 nm, va notato che per la prima volta si è riusciti a raggruppare il controller di memoria, quello grafico e il processore sullo stesso die, garantendo così una maggiore sinergia di questi componenti.

Dalle nuove caratteristiche possono trarre vantaggio tutte le applicazioni che richiedono l'esecuzione di processi in parallelo, e di conseguenza, è partita immediatamente l'ottimizzazione delle piattaforme di sviluppo parallelo su Sandy Bridge. Una fra tutte, quella basata sullo standard aperto OpenCL, creato da Apple e mantenuto da Khronos Group, viene elaborata dalla stessa Intel, la quale in questi giorni rilascia la versione 1.5 del suo OpenCL SDK.

Utilizzando il nuovo instruction set, Intel AVX a 256 bit, il modulo di vettorizzazione della CPU permette infatti l'elaborazione parallela di 8 numeri a virgola mobile per ogni core fisico disponibile. In pratica, ciò permette un aumento delle performance in tutti gli ambiti con grandi esigenze di calcolo, come la modellazione tridimensionale, l'analisi dei dati, le simulazioni scientifiche, l'elaborazione audio e video.

Non solo, ma l'SDK garantisce ora una migliore integrazione con i set di istruzioni disponibili sulla CPU utilizzata: il codice Assembly del kernel verrà infatti ottimizzato per i requisiti a disposizione, garantendo al programmatore le migliori performance possibili, sia nelle CPU già esistenti che in quelle di domani.

Grazie a brevi opzioni, che si possono aggiungere al momento dell'esecuzione del client compiler tramite linea di comando, o selezionabili attraverso l'intefaccia grafica, è sempre possibile forzare il codice (per sistemi a 32 e 64 bit) a utilizzare uno specifico instruction set, a scelta fra Intel Streaming SIMD Extensions 4.1, 4.2 e Intel AVX.

Per maggiori informazioni è possibile consultare l'ampia documentazione fornita sul sito ufficiale.
Precedente: Head First jQuery
Successiva: Il progetto ANGLE guadagna la certificazione OpenGL ES 2.0
Copyright Programmazione.it™ 1999-2014. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.234 secondi.