Programmazione.it v6.4
Ciao, per farti riconoscere devi fare il login. Non ti sei ancora iscritto? Che aspetti, registrati adesso!
Info Pubblicit� Collabora Autori Sottoscrizioni Preferiti Bozze Scheda personale Privacy Archivio Libri Corsi per principianti Forum
Gamers at Work
Recensito da Fabio Carucci il 29-05-2012 ore 06:29
Copertina ISBN: 9781430233510
Autori: Morgan Ramsey
Editore: Apress
Lingua: Inglese
Anno: 2012
Pagine: 356
Allegati: Nessuno
Lettura coinvolgente, questo il principale commento dopo poco pi di una settimana passata a leggere le interviste contenute nel libro, che evidentemente non tratta programmazione bens vite imprenditoriali, ben diciotto, del settore videoludico. L'esperienza tecnica e manageriale vissuta da persone che hanno realizzato titoli storici viene sviscerata grazie alle domande poste dall'autore Morgan Ramsay, imprenditore seriale, fondatore e attuale presidente dell'Entertainment Media Council, praticamente l'unica associazione per imprenditori, executive e senior manager dell'industria dei videogame.

La prefazione del libro affidata a Peter Molyneux, famosissimo game designer di giochi come Populous e Black and White, e alcuni dei personaggi intervistati sono vere e proprie leggende del settore come Trip Hawkins fondatore di Electronic Arts, Nolan Bushnell cofondatore di Atari, Wild Bill Stealy cofondatore di MicroProse Software, Doug e Gary Carlston, cofondatori di Broderbund Software, Ken Williams cofondatore di Sierra On-Line e Lorne Lanning cofondatore di Oddworld Inhabitants.

Le domande di Ramsay sono abbastanza dirette, alcune forse scomode, come quando chiede a Trip Hawkins quali errori sono stati commessi riguardo la crescita di 3DO e relativa console degli anni '80, oppure quando chiede al cofondatore di MicroProse Software per quale motivo soltanto il nome del suo socio ha preceduto quasi sempre i loro titoli di maggior successo.

Molte sono anche le domande che quasi investigano sull'eccezionale fatturato avuto in passato dagli intervistati e su quali conoscenze manageriali e di business avessero inizialmente; interessante scoprire che alcuni di loro furono guidati soltanto dall'istinto, che commisero errori che a volte portarono a fallimenti e altre volte a successi insperati.

Una intervista che colpisce quella a Ken Williams, che insieme a sua moglie Roberta, probabilmente la persona pi ispirata dei due dal punto di vista narrativo e artistico, trasfer la sua famiglia ad un passo dal Yosemite National Park per sviluppare videogiochi e cre la saga di King's Quest.

Altra intervista interessante rivolta a Christopher Weaver, che come esperimento nel 1986 fond la Bethesda Softworks; egli racconta gli inizi, la nascita del gioco saga Elder Scrolls e le spiegazioni riguardo la qualit della vita in azienda, accanto ai motivi per cui ha lasciato quest'ultima dopo averla riorganizzata come divisione della ZeniMax Media.

Una ultima nota riguarda l'intervista a Tobi Saulnier, fondatrice di 1st Playable Productions e unica donna imprenditrice tra gli intervistati; ha lavorato per molti anni in General Electric e, parallelamente, ha svolto volontariato in veste di presidente di una scuola Montessori locale.
Quest'ultima esperienza le ha fatto nascere la voglia di creare una piccola azienda e gestirla personalmente: la 1st Playable Productions si occupa di realizzare videogiochi, tra gli altri, dalle produzioni cinematografiche Disney per tutte le fasce d'et. Intervista da leggere.
proLettura molto interessante e un libro da avere assolutamente perch indispensabile per chi vuole iniziare una esperienza imprenditoriale nel settore videoluco. Peccato che in Italia iniziative del genere non ce ne sono.
controNessuno.
Precedente: Virtual Reality: Concepts and Technologies
Successiva: Java 7 Guida allo sviluppo
Copyright Programmazione.it™ 1999-2017. Alcuni diritti riservati. Testata giornalistica iscritta col n. 569 presso il Tribunale di Milano in data 14/10/2002. Pagina generata in 0.128 secondi.